La piccola cameretta singola: un progetto

Una delle problematiche che noi specializzati delle camerette ci troviamo davanti ormai quotidianamente è quella di dover progettare soluzioni vivibili e ben studiate in ambienti piccoli o con particolari irregolarità.
Sempre più spesso ci sentiamo dire dai clienti, intenzionati a realizzare una cameretta per il proprio figlio, che hanno dei problemi nelle misure della stanza in quanto risulta “piccola” e con “soluzioni obbligate”. Pur sapendo che non potranno prendere in considerazione molte soluzioni, desiderano comunque avere alternative di scelta sulla disposizione degli elementi nella stanza.
Nei nostri centri specializzati possiamo contare su un numero importante di aziende che permettono di realizzare soluzioni sempre diverse e soprattutto congeniali alle stanze di oggi.
E’ il caso questo di Lorenzo e Sara, una giovane coppia che desidera realizzare una cameretta per la la piccola Giulia di appena un anno.
Avendo visto tantissime soluzioni online, desiderano poter realizzare due soluzioni di arredo, pur disponendo di una stanza non grandissima, circa 390 cm di larghezza e 280 cm di profondità, e con l’ingombro della porta-finestra.
Sono inizialmente interessati solo al letto e ad un armadiatura abbastanza capiente escludendo così la zona studio.
Proponiamo così questo tipo di soluzione:

camera a ponte piccola

La prima ipotesi di arredamento della cameretta.

La soluzione presenta una capiente cabina armadio ad angolo con il fianco destro profondo circa 1 metro che permette l’accostamento perfetto del divano letto; quest’ultimo attrezzato con ruote di scorrimento e una seconda rete di emergenza sotto. L’armadiatura a ponte sopra, la colonna laterale e lo speciale terminale libreria/scarpiera completano la cameretta in modo ottimale.

Lorenzo rimane subito molto colpito dalla funzionalità e dalla libertà che rimane alla stanza, Sara invece è contenta del color azzurro chiaro e dalla finitura legno bianco. Vorrebbe però provare a cambiare il violetto e, soprattutto, provare a posizionare il letto verso il centro stanza e la cabina armadio nella parte destra.

Arriviamo così alla seconda soluzione:

armadiatura con cabinotto

Una seconda ipotesi, con cabina armadio

Con questa seconda soluzione saremo in grado di definire quella che sarà la soluzione finale.
Il letto piace moltissimo in versione centro stanza e anche il fatto che sia in eco-pelle è decisamente un valore aggiunto (magari aggiungendoci anche il contenitore al suo interno).
L’armadiatura è il vero problema. Piace molto di più come nella prima versione, nell’angolo sinistro, e dobbiamo cercare di aumentarne un po’ la capienza.
Ripensandoci, Lorenzo e Sara ci chiedono se fosse possibile provare ad inserire una piccola zona scrivania e libreria di modo che la cameretta risulti fin da subito completa e ben sviluppata nel suo insieme e che le bambina, durante la crescita, abbia sempre il suo spazio di studio e gioco.

Conclusione:

Spesso, di fronte a piccoli spazi o stanze di dimensioni ridotte, commettiamo l’errore di pensare che non ci siano alternative. Le aziende presenti nei nostri centri specializzati possono offrire sempre diverse soluzioni funzionali e ricche di tutti gli accessori necessari alla crescita di un bambino.
Infine un bel tocco di colore in alcuni piccoli elementi non fa mai male.

Questa la cameretta realizzata da Lorenzo e Sara per la piccola Giulia dal negozio La Cameretta di Arezzo:

camera singola in pianta.

Soluzione definitiva: un progetto razionale.

un letto in tessuto

Il letto singolo tessile, tra armadio e zona studio.

armadio a cabina

Il capiente armadio con cabina sfrutta a pieno le misure.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *