fbpx

Camerette in legno

Il legno non è solo un materiale costruttivo per l’arredo, ma è anche una scelta di stile. La finitura legno rimanda infatti a mobili fatti bene, di natura artigianale, e si adatta ad ogni contesto.

Vediamo qualche esempio di foto di camerette per ragazzi in finitura legno, sperando che possano ispirarvi nella scelta del vostro ambiente ideale.

Il legno non passa mai di moda

Il legno è il materiale dell’arredamento per eccellenza, il suo uso all’interno della cameretta non passa mai di moda ed è perfetto sia in contesti moderni che nelle camerette classiche.

Nell’arredo per bambini vengono utilizzate moltissime diverse essenze legno dai classici noce e ciliegio, ai legni più chiari come frassino, acero e rovere, fino ai più attuali larice e olmo. Per ragazzi più grandi ci sono anche finiture tendenti al nero, come il rovere moro o wengè. 

42

Camerette a catalogo

Non trovi quella giusta? Progettiamola!

Scopri le nostre camerette:

Camerette in legno nobilitato

Per avere una finitura legno non bisogna per forza usare vero legno: si possono realizzare i mobili in pannelli di particelle, rivestendoli con una carta melamminica a effetto legno: si tratta del nobilitato o laminato.

Con le moderne tecnologie si ottengono camerette in legno nobilitato di grande qualità, sia dal punto di vista qualitativo che estetico. Qualitativamente il laminato ha una maggior resistenza del legno massello, caratteristica preziosa nelle camere vissute dai bambini, dal lato dell’estetica le finiture moderne con effetto materico tattile sono in tutto e per tutto simili al vero legno.

Quale legno avere in cameretta

Sono moltissime le essenze legno che si usano nell’arredo per ragazzi, possiamo dividerle in tre macro categorie. Il legno chiaro, con colori quali il rovere o il larice, è quello più in uso nell’arredamento contemporaneo, si tratta di un effetto legno luminoso e accostabile a ogni ambiente. Il legno scuro, come ciliegio e noce, invece si presta a camere più classiche ed è più caratterizzante, mentre quando il legno diventa praticamente nero, come il teak o il wengè, si usa nelle camere da grandi.

Camerette in legno chiaro

Tra le finiture di legno chiaro più usate nella camera dei ragazzi ricordiamo il faggio, l’acero, il frassino, il larice, il karelia, il rovere sbiancato. Oggi assistiamo anche a un grande ritorno dell’olmo e di legni prossimi al bianco.

Il legno chiaro prende piede nelle camerette moderne, perché si presta meglio dei tradizionali noce e ciliegio ad accostarsi con i colori, realizzando una cameretta più luminosa e meno tradizionale.

I legni chiari si usano soprattutto sulla struttura, accompagnati da particolari colorati e da ante di colore neutro, bianco o panna. La tonalità chiara si presta comunque a essere usata su grandi superfici (ante, testiere dei castelli, pennellature) senza risultare pesante.  Le essenze chiarissime come il larice sostituiscono completamente bianco e magnolia oppure si accostano ad essi.

Camerette in legno scuro

Il legno scuro fino a poco tempo fa ha fatto la parte del leone nelle camerette: i più usati da sempre sono il noce e il ciliegio, che ancora oggi si trovano spesso nell’arredamento per bambini di gusto più classico. Nello stile moderno invece è più usato il legno chiaro, anche se si trovano dei legni marroni in tinta cioccolato, che ben si prestano ad accostamenti coi colori.

Il legno scuro viene spesso accostato al bianco panna, solitamente legno sulla struttura e panna o magnolia su ante e cassetti. Noce e panna è un classico della cameretta, un gusto  tradizionale ma anche un evergreen perché va bene sia per il bambino che per il ragazzo grande e non stanca col passare del tempo. Il ciliegio con la sua sfumatura rossiccia si accosta bene con giallo e arancione. Il noce si abbina alle tinte pastello (verde primavera, azzuro cielo). 

Camerette wengè

Il Wengè è un albero dell’Africa, dal legno molto duro e pregiato. L’essenza wengè, conosciuta anche come rovere moro o rovere scuro, si tratta di un legno caratterizzato da un tono marrone scurissimo, praticamente un nero, che si presenta a volte con sottili venature gialle, marroni o grige.

Nella cameretta il wengè resta un’essenza di nicchia ma sempre ricercata, questo legno è adattissimo alle camere per ragazzi già grandi, adolescenti e single, mentre non si presta alla stanza dei bambini di età infantile.

Un classico uso di questo legno è per dare un contrasto bianco e nero, se invece si vuole un accostamento moderno e raffinato si può avvicinarlo a un colore. Si abbina benissimo con l’azzurro cielo, l’arancione o con il verde acido, elegante anche abbinare rovere moro e rovere sbiancato: simili venature, differenti toni.

© Camerette x Bambini, il portale della cameretta, di Ciceri & Cereda SAS - Partita Iva 00694030966 - Cookie e Privacy